Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Terremoto Juventus, avv. D'Onofrio: "Ammende e forse penalità, ma non certo retrocessione"

Terremoto Juventus, avv. D'Onofrio: "Ammende e forse penalità, ma non certo retrocessione"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 1 dicembre 2022, 15:30Serie A
di Simone Bernabei

Paco D'Onofrio, professore dell'Università degli Studi di Bologna e avvocato esperto di diritto sportivo, ha parlato a TuttoJuve del terremoto di casa Juventus e delle possibili implicazioni:

Cosa può rischiare la Juventus in merito al fascicolo aperto dalla FIGC sugli stipendi?
"Per le irregolarità di tipo contabile, a prescindere dalla gravità dal punto di vista penale, che attiene ad un ordinamento diverso e distinto da quello federale, la sanzione prevista è la squalifica per i dirigenti colpevoli e l’ammenda, cioè una pena pecuniaria, per la Società coinvolta. Solo nel caso in cui l’irregolarità sia servita ad iscriversi ad un campionato al quale la Società non avrebbe, diversamente, potuto partecipare, allora è prevista addirittura la retrocessione, ma non è certamente il caso in oggetto. Inoltre, l’art. 31, comma 3, del codice di giustizia sportiva della Figc, prevede l’ipotesi in cui le irregolarità contabili riguardino il pagamento degli stipendi dei calciatori, sanzionabili, anche in questo caso, con un’ammenda o, nei casi più gravi con uno o più punti di penalizzazione".

Non ci può esser nessun tipo di condanna?
"La premessa per la condanna, in quest’ultimo caso, è che la Società abbia violato una disposizione federale vigente che, per quanto mi è dato conoscere, tuttavia, non è mai stata specificamente deliberata. Non mi pare che, all’epoca, sia stata adottata alcuna norma per la disciplina del periodo di emergenza sanitaria (e contabile) della seconda parte del campionato 2019/20, che avrebbe dovuto regolare l’eccezionale situazione di una stagione sportiva prorogata di due mesi e precedentemente sospesa per un lungo periodo e che ha comportato la necessità per le Società di rimodulare gli stipendi dei calciatori. Sarebbe utile, infatti, conoscere anche quali modalità contabili abbiano utilizzato gli altri Club della Serie A".

Quindi se la sente di tranquillizzare, come aveva già fatto in precedenza sulle plusvalenze, il tifoso juventino un po' preoccupato dalle ultime ore?
"La Procura Figc ha ben operato decidendo di aprire un fascicolo d’indagine, perché indubbiamente la vicenda merita un approfondimento che la Federazione ha il potere ed il dovere di compiere. Va anche aggiunto, tuttavia, che, se non ricorrono le condizioni che ho sopra ricordato e che, a mio avviso, non sono così evidenti per quello che ho potuto apprendere dalle notizie solo mediaticamente circolate, la responsabilità di una Società non appare così nitidamente definita, un po’ come avvenne nella vicenda delle plusvalenze, conclusasi senza l’accertamento di una effettiva irregolarità".

Ha trovato corretto il modus operandi del CdA che si è dimesso in blocco nella giornata di lunedì?
"Indubbiamente un gesto che immagino sia stato animato da senso di responsabilità, probabilmente anche al fine di preservare la serenità della squadra in prossimità della ripresa del campionato, che consentirà ai precedenti amministratori di concentrarsi sulla difesa processuale che dovranno affrontare, a fronte della contestazioni formalizzate dalla Procura statale ed eventualmente anche da quella federale".