Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lo Monaco: "De Laurentiis uomo solo al comando. C’è sempre un colpevole per lui"

Lo Monaco: "De Laurentiis uomo solo al comando. C’è sempre un colpevole per lui"TUTTO mercato WEB
venerdì 3 novembre 2023, 23:38Serie A
di Simone Lorini

Intervenuto ai microfoni di TV Play, Pietro Lo Monaco ha criticato aspramente De Laurentiis per la sua gestione del club azzurro: "Non si può sentire che è stato lontano ed ora è tornato. Sembra che senza di lui la barca non vada avanti. Non si può dire che si farà un casting di 40-50 allenatori. Alla fine è arrivato uno che non ha nulla a che vedere con Spalletti e con Sarri. Il Napoli doveva solo provare a mantenere viva la fame dei calciatori. I calciatori, culturalmente, non perdono mai. C’è sempre un colpevole per lui. Hanno bisogno di alibi. De Laurentiis ha destabilizzato l’ambiente e questo è un alibi per i calciatori. L’anno scorso ha stravinto il campionato con un calcio di grande livello. Vince lo Scudetto dopo 30 anni, ha una autostrada per continuare a vincere ed invece va via il tecnico, il direttore sportivo, il preparatore, il miglior difensore… C’è qualcosa che non va. Se si analizza la storia, si capisce che è un uomo solo al comando".

"Napoli nelle mani di De Laurentiis, Garcia è stato esposto al ciclone"
"Il Napoli è nelle mani del presidente, gestisce tutto totalmente lui. Tanto di cappello per la gestione economica e finanziaria, ma il calcio è un’altra cosa. Se si pensa di poter fare a meno di tecnico, direttore sportivo. Si è scoperto che comanda lo scouting, che da sempre è diretto dal direttore sportivo. Giuntoli, come tutti i direttori sportivi, aveva un ruolo centrale nel Napoli. A volte l’allenatore lo accarezza ed il ds gli dà una batosta o viceversa. Certe figure mancano. Al Napoli l’anno scorso c’è stato. Adesso mancano troppe figure nel Napoli, Garcia è stato esposto al ciclone ed i giocatori adesso hanno degli alibi.

Bisogna mettere la chiesa al centro del villaggio, ripristinando alcune cose. Un presidente di un certo spessore come lui doveva cercare dei profili di alto livello per continuare a vincere. L’alternativa era vendere Osimhen e far andar via tutti, fare cassa e mettere un punto per ripartire”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile