Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Italia a Euro 2024, il ct della Slovacchia: "Azzurri da evitare nel girone, spero di affrontarli più avanti"

Italia a Euro 2024, il ct della Slovacchia: "Azzurri da evitare nel girone, spero di affrontarli più avanti"TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
mercoledì 22 novembre 2023, 14:55Serie A
di Tommaso Bonan

"Era un girone molto difficile, basta dire che tre delle squadre che abbiamo preceduto in classifica quasi sicuramente faranno i playoff, potrebbero addirittura arrivare agli Europei ben cinque squadre presenti nel giorno di qualificazione. È stata dura, ma la squadra ha fatto un capolavoro e siamo tutti molto felici" Così Francesco Calzona, commissario tecnico della Slovacchia, fresco di qualificazione a Euro 2024, ospite di Palla al Centro su Rai Radio 1 Sport.

Possibile incrocio Italia-Slovacchia nel girone a Euro 2024: "C'è questa possibilità, ma spero che non succeda nel girone. Da italiano spero di affrontare gli azzurri il più avanti possibile. Poi alla guida c'è un allenatore che conosco molto bene e a cui faccio i complimenti per la qualificazione, aveva un lavoro molto difficile. Spero vivamente di evitare l'Italia, è anche un nazionale molto forte".

Il bilancio dell'esperienza in Slovacchia: "Sono 14 mesi che sono arrivato in Slovacchia, avevo trovato la nazionale in una situazione particolare: la squadra era finita in quinta fascia, c'era sfiducia totale. Alla prima partita c'erano 3mila spettatori, nelle ultime tre abbiamo finito con lo stadio pieno. Questa è la mia più grande soddisfazione, abbiamo riportato la gente allo stadio. C'è grande entusiasmo, ma sappiamo di essere una nazionale di secondo piano. Sono molto felice che la squadra abbia espresso un ottimo calcio: i ragazzi mi hanno seguito dal primo momento, hanno subito creduto ciecamente nel mio lavoro".

Com'è nata questa avventura? "Un po' per caso. Ero al distributore a fare benzina, ho ricevuto la telefonata di Marek Hamsik, con lui ho avuto sempre un ottimo rapporto., Mi ha chiesto se ero disponibile se ero disposto a parlare con la federazione slovacca, aveva fatto il mio nome. Lì per lì gli ho detto che ci dovevo pensare e che l'avrei richiamato il giorno dopo, invece poi l'ho richiamato dieci minuti dopo e gli ho detto 'ok, fissami un appuntamento, voglio parlare con loro'. Questo è stato l'approccio iniziale".

"Sarri, Spalletti e Di Francesco mi hanno dato tanto, ho imparato tantissimo da loro. Con Di Francesco a Cagliari abbiamo avuto poco tempo, ma lui è un pozzo di idee, specialmente offensive. Ho preso molto anche da lui. Allenare una nazionale è molto difficile, perché il tempo a disposizione è molto poco. Pensavo ci volesse ancora più tempo, ma la disponibilità dei ragazzi è stata enorme. Avevano grande voglia di riscatto e questo ha facilitato il compito. Anche se penso che per esprimere il massimo deve passare ancora un annetto. Aver lavorato con tre tecnici di questo livello ha reso il mio bagaglio enorme. Quello che ho potuto imparare, l'ho riportato sul campo".

Tanti giocatori (e anche ex) della nostra Serie A nella nazionale slovacca: "Questo è stato un vantaggio, 7-8 calciatori conoscono l'italiano. Tra italiano e inglese e qualche parola di slovaco siamo riusciti a comunicare senza problemi. Poi Marek Hamsik da settembre è entrato nello staff, a me ha fatto molto piacere, gli devo dire grazie perché è venuto con umiltà disumana, lui pensa sempre di non essere all'altezza, ma si è integrato molto bene, è un grande lavoratore e sono convinto che abbia tutte le qualità per diventare un grande allenatore, anche se ora è più concentrato sulla sua Academy. In Slovacchia è un'istituzione, nel calcio potrebbe fare qualunque ruolo".

Con Hamsik avete parlato recentemente di Napoli? Magari per un suo possibile approdo sulla panchina del Napoli per la prossima stagione: "Onestamente non ne abbiamo parlato, eravamo troppo concentrati per la partita con l'Islanda decisiva per la qualificazione. Però è chiaro che conosco la piazza di Napoli, ho vissuto quattro anni stupendi, faccio il tifo per il Napoli. Magari in futuro ne parleremo, ma è un argomento che non abbiamo sfiorato in queste settimane".

Ha qualche sassolino dalla scarpa da togliersi? "Assolutamente no, ho fatto 15 anni da assistente e l'ho fatto molto volentieri, tutti gli allenatori mi hanno dato grande spazio. Ho avuto proposte da 2-3 squadre di Serie A, ma ho rifiutato perché il mio ruolo da vice mi stava bene. Poi è arrivata questa occasione dalla Slovacchia, mi sembrava bello poter rappresentare un paese. Nessun sassolino da levare, è stata una mia scelta, non rinnego niente".

Obiettivo Europei: ""Andiamo per fare il miglior risultato possibile, sappiamo di avere dei limiti ma noi con qualunque avversario dobbiamo entrare in campo per vincere la partita. Proveremo a superare il girone, poi se non ci riusciremo saremo comunque soddisfatti di aver raggiunto questa qualificazione inaspettata".

C'è una squadra di prima fascia che le piacerebbe affrontare? "Mi piacerebbe affrontare la Germania. Sarebbe un ostacolo molto duro, gioca anche in casa, ma mi piacerebbe capire come si comporterebbe la mia squadra davanti a una delle favorite del torneo, perdipiù con pubblico a favore".

Mertens falso nueve al Napoli, è vero che è una sua intuizione? "È stata condivisa, ho sempre pensato che avesse le qualità per fare quel ruolo. In un momento di emergenza in cui ci mancavano gli attaccanti centrali, lui è stato bravo a sfruttare quest'occasione".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile