Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Inzaghi: "Scudetto? Dobbiamo rimanere concentrati anche quando dormiamo"

Inter, Inzaghi: "Scudetto? Dobbiamo rimanere concentrati anche quando dormiamo"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 25 febbraio 2024, 20:38Serie A
di Matteo Celletti

Simone Inzaghi, allenatore dell’Inter, ha parlato al termine del match di Serie A contro il Lecce. Ecco le sue dichiarazioni ai microfoni di DAZN: “Lautaro deve continuare così sta avendo un percorso incredibile, come aveva avuto con me Immobile alla Lazio. Avere giocatori così in squadra è un piacere. Se ce la farà a superare il record dei 36 gol di Higuain in una stagione di A? Questo lo dirà il tempo, lui deve continuare a lavorare. Ci sono tante partite e stasera avevo il dubbio se iniziare con lui o con Arnautovic. Dopo l’Atletico Arna ha avuto qualche problemino fisico e quindi ho deciso di schierare Lauti.

Se questa Inter è migliorabile? Assolutamente sì perché mancano gli ultimi tre mesi di campionato che sono quelli più importanti. Noi non dobbiamo guardare le vittorie, i clean sheet, ma dobbiamo guardare all’Atalanta. Sappiamo che è un momento difficile e adesso abbiamo bisogno di tutti con tutte queste partite e stasera ne abbiamo avuto la dimostrazione.

Il mio 3-5-2 è una rivoluzione? Sto lavorando tantissimo. Ho la fortuna di avere lo stesso staff con me da più di dieci anni. Ci conosciamo a memoria, cerchiamo di lavorare tanto e poi abbiamo la fortuna di avere una società alle nostre spalle che cerca sempre di far andare le cose come vogliamo, dei giocatori con una grande disponibilità. Per un allenatore vedere giocare la squadra in questo modo è una grande soddisfazione.

Se sono più tranquillo per lo scudetto? No, sappiamo che mancano ancora tre mesi, tante partite, tanti punti in palio e dobbiamo migliorarci. Ad esempio, sull’1-0 nell’occasione di Blin dovevamo fare meglio. Ci sarà motivo di vedere dove potersi migliorare. I ragazzi stasera hanno giocato su un campo difficile, con una trasferta 72 ore dopo l’Atletico Madrid.

Gli attaccanti mi hanno dato delle risposte? Sì, ma per Arnautovic e Sanchez non mi serviva vedere le ultime due partite. Arna con l’Atletico avete visto cosa ha fatto e Sanchez ha fatto una partita straordinaria, mi dispiace non abbia fatto gol ma ne ha fatti tanti in carriera. Alexis ha dimostrato che è un campione.
La partita contro l’Atalanta è un match point scudetto? No. Dobbiamo rimanere concentrati anche quando dormiamo, i ragazzi lo sanno. Abbiamo avuto due mesi tranquilli in cui abbiamo sempre recuperato bene le forze e dove non abbiamo perso giocatori. Oggi avevamo sei assenti e per noi allenatori non è semplice. L’obiettivo è continuare a vincere. Mkhitaryan? Giocatore fondamentale, oggi l’ho tolto tardi, ma dovevamo gestire gli slot”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile