Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il manifesto di Barella: "Recuperare un pallone per me equivale a segnare un gol"

Il manifesto di Barella: "Recuperare un pallone per me equivale a segnare un gol"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 28 febbraio 2024, 12:38Serie A
di Tommaso Bonan

È Nicolò Barella il protagonista del 'Matchday Programme' di Inter-Atalanta, recupero del ventunesimo turno di Serie A in programma questa sera a San Siro. Il centrocampista nerazzurro ripercorre la propria infanzia, intrecciando il racconto alla nascita della passione per il calcio: "Ho cominciato a giocare a calcio a tre anni e mezzo, ai tempi si iniziava verso i cinque, sei anni e i miei genitori mi hanno sempre raccontato un aneddoto che riguarda l’inizio di tutto. Anche se ero molto piccolo, visto che il campo di calcio era di terra battuta, gli allenatori dell’epoca avevano detto alla mia famiglia di portarmi, che sarei rimasto a giocare con i mucchietti di sabbia e invece... ero sempre lì con gli occhi fissi sull’allenatore, attento ad ascoltare tutto quello che diceva. È una cosa che racconterò ai miei figli per far capire loro che la passione è la prima cosa e che bisogna sempre impegnarsi, stare sul pezzo e concentrati per andare dritti verso i propri obiettivi".

Qualità, ma anche corsa e generosità. Sono questi i tratti distintivi del Barella calciatore: "Recuperare un pallone per me è sempre stato come fare un gol, mi ha sempre stimolato, un po' come dare una bella palla e vedere un mio compagno andare in porta. L’esperienza e giocare partite importanti mi ha aiutato a crescere e a vivere tutto con più tranquillità rispetto al passato. Per me la squadra è la cosa più importante ed è quella che spinge tutti noi a dare il meglio, come il voler ricambiare l’affetto dei tifosi e rendere orgogliosa la mia famiglia".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile