Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Hellas Verona-Inter 2-2, le pagelle: Arnautovic protagonista. Altro gol per Noslin

Hellas Verona-Inter 2-2, le pagelle: Arnautovic protagonista. Altro gol per Noslin
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 27 maggio 2024, 06:20Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Risultato finale: Hellas Verona-Inter 2-2

HELLAS VERONA (A cura di Marco Pieracci)

Perilli 7,5 - Ritrova l'Inter dopo averle già parato due rigori col Pordenone qualche anno fa, bucato due volte da Arnautovic poi si esalta: si perde il conto degli interventi decisivi.

Tchatchoua 6,5 - Passo felpato in fase di spinta, complicato stargli dietro quando decide di partire in progressione. Dimarco non gli crea grossi grattacapi.

Coppola 5,5 - Ridimensionato dalla forza bruta di Arnautovic, perde nettamente il duello fisico con l'austriaco. Bravo a chiudere su Cuadrado nella ripresa.

Cabal 5,5 - Centrale per l'occasione, ruolo nel quale sembra essere un po' a disagio: vai col liscio sul primo gol, arranca sul secondo. Dal 68' Magnani 6 - Più deciso negli anticipi.

Vinagre 6 - Baroni gli chiede di spingersi in avanti per non farsi schiacciare, sale in ritardo tenendo in gioco Arnautovic. Clamorosa l'autotraversa colpita nel finale: salva col brivido.

Serdar 7 - Recuperatore seriale di palloni, quasi in trance agonistica: per informazioni chiedere a Barella. Ma anche aperture di qualità.

Belahyane 6,5 - Disinvolto nella gestione del pallone, si fa rispettare: contro una eccellenza come Calhanoglu non va mai in soggezione. Dal 74' Dani Silva 6 - Buone geometrie.

Mitrovic 5,5 - Potenzialità notevoli, ma è il meno brillante del terzetto di trequartisti: non sfida abbastanza Carlos Augusto nell'uno contro uno. Dal 74' Tavsan 6 - Entra bello carico, impegna Di Gennaro.

Suslov 7 - Scatenato, micidiale il taglio verso il centro con annessa palla in verticale per Noslin che poi gli ricambia il favore. Intesa a occhi chiusi, giocano a memoria. Dall'81' Cissé sv

Lazovic 6,5 - Bisseck gli salta in testa mandando in porta Arnautovic, sarà l'unica piccola sbavatura. Si merita la standing ovation all'uscita dal campo. Dal 67' Charlys 6 - Pimpante.

Noslin 7 - Forse la miglior intuizione del mercato invernale di Sogliano, mette in difficoltà Acerbi confermandosi grande con le grandi: dopo Juve e Milan impallina anche l'Inter.

Marco Baroni 6,5 - Intensità subito alle stelle, per non dare respiro ai campioni d'Italia. Difesa altissima e la solita abbondante dose di coraggio: impone il pareggio con gli stessi ingredienti della storica impresa che resterà impressa nella storia del club.

INTER (A cura di Marco Pieracci)

Audero 6 - L'Inter fallisce il ventiduesimo clean sheet ma le colpe sui gol sono relative, forse poteva fare qualcosa di più sul 2-1. Dal 67' Di Gennaro 6,5 - Un paio di ottimi interventi per celebrare il debutto in Serie A a 33 anni.

Bisseck 5,5 - Protagonista nel bene e nel male: serve l'assist per Arnautovic giganteggiando di testa, ma si fa prendere d'infilata da Suslov.

Acerbi 5,5 - Noslin si muove parecchio, per non concedergli punti di riferimento, gli scambi in velocità con Suslov lo mandano fuori giri.

Carlos Augusto 6 - La connessione mancina con Dimarco non è così scoppiettante come ci si attendeva, gli strappi di Tchatchoua non lo fanno stare tranquillo.

Dumfries 5,5 - In sospeso, come il rinnovo di contratto che tarda ad arrivare e rischia di portarlo lontano da Milano. Non affonda il colpo. Dal 57' Cuadrado 6 - Potrebbe salutare col gol, Coppola non ne vuol sapere.

Frattesi 6,5 - Prove tecniche di coesistenza con Barella, indice di pericolosità sempre alto: sfiora il gol in almeno tre occasioni, serve l'assist di petto per il raddoppio.

Calhanoglu 6,5 - Gioca quasi in surplace, del resto la cifra tecnica glielo permette: fa sembrare semplici cose che semplici non lo sono affatto.

Barella 6 - Tenero sul 2-1, si fa scippare troppo facilmente da Serdar. Per farsi perdonare apre il compasso: illuminante il lancio per il 2-2. Dal 67' Asllani 6 - Gestisce le operazioni.

Dimarco 6 - Preso di mira con fischi assordanti ogni volta che tocca il pallone, non si fa condizionare dall'accoglienza poco amichevole. Dal 57' Buchanan 6,5 - Crea superiorità numerica.

Thuram 6 - La scena se la prende Arnautovic, lui si dedica al lavoro sporco restando fresco come una rosa fino alla fine nonostante le tante energie bruciate.

Arnautovic 7,5 - Viene incontro per aprire spazi ma li va pure a riempire in prima persona: doppietta da centravanti vero, chiude col botto. Dal 57' Sanchez 6 - Poco cattivo al tiro una prima volta, Perilli gli dice di no. Poi esulta per il pallonetto del sorpasso cancellato dal VAR.

Simone Inzaghi 6 - Al Bentegodi aveva sempre vinto prima di stasera, stavolta non ci riesce: chiude col pari un campionato straordinario, dando spazio a chi ne aveva trovato meno nella trionfale cavalcata verso la seconda stella.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile