Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Caso Juve, avv. Sperduti a RBN: "Negatività eccessiva. Questioni penali, non sportive"

Caso Juve, avv. Sperduti a RBN: "Negatività eccessiva. Questioni penali, non sportive"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 1 dicembre 2022, 23:15Serie A
di Ivan Cardia

"Fuori di Juve" con Quintiliano Giampietro e Alfredo Gigliotti. Ospite. Avv. Matteo Sperduti, Massimo Giletti.

L'avvocato Matteo Sperduti, ospite oggi a Fuori di Juve su Radio BiancoNera, è intervenuto sul caso che riguarda la Juventus: “Tutta questa negatività rispetto a quello che sta succedendo mi sembra eccessiva. L'aspetto sportivo non è così particolare rispetto anche a casi passati. Parlando della questione plusvalenze, la Juventus si sente forte di due gradi di giudizio in cui tutte le 59 persone poste a processo sono state prosciolte, non credo che si tratti di una questione che verrà riaperta, salvo che legate ad essa escano fuori novità clamorose, come intercettazioni che non lascino adito a dubbi oppure vere e proprie confessioni. Il tribunale infatti, all'interno della sentenza ha detto chiaramente che il metodo di calcolo utilizzato da chi ha presentato le accuse riguardo il valore dei calciatori e quindi delle plusvalenze, non può essere considerato come una certezza assoluta. Anche sulla questione stipendi bisogna stare cauti, da quello che leggo dalle carte non ci sono elementi che lasciano pensare che si possa intervenire dal punto di vista sportivo contro la Juventus.

La procura dice che non sono quattro le mensilità che riguardano l'accordo con i calciatori ma soltanto una per cui ciò ha creato una situazione di falso in bilancio, però queste sono questioni che riguardano esclusivamente l'aspetto penalistico, non quello sportivo. Il problema nascerebbe se il falso in bilancio avesse permesso alla Juventus di iscriversi, ma oggi considerando che i bilanci sono stati anche riaggiornati, si comprende che non c'è una situazione economica grave, per cui da ciò potrebbe scaturire un'ammenda o al massimo una penalizzazione, non certo una retrocessione d'ufficio. Per le informazioni che abbiamo ora a disposizione non vedo quindi grosse problematiche a livello sportivo per il club. Tutto questo caso è figlio della della situazione legata alla pandemia, parliamo sempre di società che vengono sottoposte al controllo di Consob, Covisoc ed altri enti in quanto quotate in borsa, un mero errore può esserci ma di questo errore va sempre dimostrata la cattiva fede. In relazione alla questione stipendi, la Procura sostiene che la Juve ha dichiarato di aver risparmiato 90 milioni mentre l'accusa dice che in realtà ne sono stati risparmiati soltanto 22. Queste sono accuse non facili da dimostrare ma vanno comunque dimostrate". Un commento infine sulla decisione del Consiglio d'Amministrazione di dimettersi in toto nella serata di lunedì: "Le dimissioni del CdA sono giuste dal punto di vista della giustizia ordinaria perchè hanno tolto peso alla Juventus. Dal punto di vista penale, il rinvio a giudizio è personale e se un presidente ancora in carica lo subisce, di riflesso il danno d'immagine per la società è importante. Nominando un presidente nuovo, la proprietà lo ha messo in condizione di agire in maniera tranquilla".

Primo piano
TMW Radio Sport