Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Corriere Fiorentino: "Il bilancio di Commisso: dal suo stato di salute alla presunta cessione"

Corriere Fiorentino: "Il bilancio di Commisso: dal suo stato di salute alla presunta cessione"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
mercoledì 25 maggio 2022, 09:57Rassegna stampa
di Alessio Del Lungo

Rocco Commisso è tornato a parlare dopo oltre tre mesi di silenzio in una "conferenza stampa" che tutto era meno che una conferenza stampa (le domande andavano inviate il giorno prima). Il presidente della Fiorentina, collegato dagli Stati Uniti, ha voluto prima di tutto parlare delle sue condizioni di salute. Del resto quella sua improvvisa partenza poco prima di Natale e il fatto che non sia più tornato a Firenze (per uno che al contrario in passato ha dimostrato di voler passare in città più tempo possibile) aveva spaventato parecchio. "Ho dovuto affrontare situazioni difficili — ha spiegato — ma ora mi sento meglio e voglio ringraziare i dottori e la famiglia per essermi stato vicino. Sono voluto tornare in Italia per parlare con Vlahovic ma ho sbagliato perché proprio in quell’occasione mi sono ammalato". Poi, dopo aver ripetuto di esser stato il presidente che ha fatto meglio al primo anno in serie A, il patron viola ha affrontato i temi di più stretta attualità. Su tutti, le voci su una possibile cessione del club bollate rapidamente come "fake news: non ho mai ricevuto alcuna offerta, né mai parlato con nessuno". Chiarito questo, si passa all’analisi della stagione. "Abbiamo fatto 22 punti in più dell’anno scorso, nessuno in Europa ci è riuscito e siamo riusciti a tornare nelle coppe: una gioia indescrivibile. L’Atalanta, che ha fatto grandissime cose, ce ne ha messi cinque".