Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Le probabili formazioni di Albania-Spagna: ultima chiamata per le Aquile

Le probabili formazioni di Albania-Spagna: ultima chiamata per le AquileTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 24 giugno 2024, 06:09Probabili formazioni
di Andrea Carlino

Novanta minuti di passione. Italia, Croazia e Albania vivranno un'ultima giornata intensa, perlomeno per quanto riguarda la fase a gironi di Euro 2024. Italia e Croazia si sfidano a Lispia, l’Albania, invece, affronta la Spagna, probabilmente la squadra che ha espresso il miglior gioco nelle prime due giornate di Euro 2024. L'Albania cerca l'impresa e una qualificazione storica, la Spagna vuole chiudere a punteggio pieno. La storia dei confronti tra le due squadre ha avuto sempre epiloghi a senso unico. Negli otto precedenti totali fra queste due nazionali ha infatti sempre prevalso la Roja. L'ultimo scontro diretto risale a fine marzo 2022 con un 2-1 per gli iberici firmato da Ferran Torres e Dani Olmo. Di Uzuni la marcatura rossonera. La gara si giocherà alle ore 21:00 alla Merkur Spiel-Arena di Düsseldorf. L’arbitro sarà lo svedese Nyberg.

COME ARRIVA L’ALBANIA - Non ha certamente sfigurato l'Albania nei suoi primi 180 minuti di Europeo. Nel complesso, però, il team rossonero è riuscito a racimolare solamente un punto: bottino insufficiente a oggi per pensare di poter proseguire nella competizione. Serve un'impresa, adesso, alla formazione di Sylvinho per strappare il pass per gli ottavi di finale. Sarebbe peraltro la prima volta per le Aquile che vantano una sola partecipazione nella propria storia alla kermesse continentale, edizione del 2016, con eliminazione proprio al primo turno. Nel frattempo la crescita del movimento è apparsa evidente, tesi confermata anche nel corso delle esibizioni contro Italia e Croazia. L'anima italiana del gruppo, mista alla filosofia di calcio di un tecnico come il brasiliano, che in passato ha lavorato fianco a fianco con Roberto Mancini, ha creato il giusto mix per un progetto che sta funzionando anche se non è ancora a pieno compimento. Ricordiamo che l'Albania aveva vinto il proprio girone di qualificazione mettendosi alle spalle formazioni come Repubblica Ceca e Polonia. Per questo motivo i rossoneri erano visti fin dalla vigilia come i potenziali outsider dell'equilibrato gruppo.

Sylvinho dovrebbe puntare sul 4-5-1 (o riproporre il 4-3-3). In porta ci sarà l'esperto Strakosha, mentre la linea difensiva a quattro sarà composta da Balliu e Mitaj sulle fasce, con la coppia centrale formata da Ismajli e Djimsiti, entrambi giocatori di esperienza internazionale. A centrocampo, Ramadani agirà da schermo davanti alla difesa, affiancato da Abrashi e Asllani, con il compito di impostare il gioco e recuperare palloni. Sulla trequarti, Bajrami e Laci avranno il compito di supportare l'unica punta Broja, attaccante del Chelsea, che rappresenterà la principale minaccia offensiva per la Spagna. In diffida Broja, Daku, Gjasula, Hoxha e Hysaj.

COME ARRIVA LA SPAGNA - Due partite, quattro gol fatti, zero subiti e sei punti. Fine della storia. Almeno per quel che riguarda il girone di qualificazione che la Spagna ha brillantemente superato garantendosi il primo posto in anticipo di un turno. La Roja si è dimostrata, almeno in questi giorni, superiore sia alla Croazia che all'Italia. Contro quest'ultima il passivo avrebbe potuto essere ancor più pesante se non fosse stato per gli interventi prodigiosi di Gigio Donnarumma. Alla vigilia della competizione qualche perplessità sulla Roja sussisteva, anche per il Mondiale sottotono disputato sotto la guida di Luis Enrique. Invece con De la Fuente, Morata e compagni sono ripartiti aggiungendo qualche giovane prezioso e dando più spazio a quelli già presenti. L'impatto di due esterni come Nico Williams e Lamine Yamal è stato finora devastante.

De la Fuente, avendo già ottenuto la qualificazione, potrebbe apportare diverse novità alla formazione titolare. In porta potrebbe esserci l'esordio di Raya, portiere del Brentford. In difesa, Navas e Grimaldo dovrebbero agire sulle fasce, mentre al centro la coppia Vivian-Laporte sembra la più probabile. A centrocampo, Merino potrebbe sostituire lo squalificato Rodri, affiancato da Zubimendi e Olmo, che agirà da mezzala con compiti di inserimento. In attacco, spazio a Torres e Oyarzabal sugli esterni, con Joselu al centro dell'attacco. Non è da escludere, però, l'utilizzo di altri giocatori come Asensio o Fati, che potrebbero trovare spazio dal primo minuto. In diffida Carvajal e Le Normand.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile