Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Omar Sivori, primo oriundo e vizio per il calcio secondo Agnelli

Omar Sivori, primo oriundo e vizio per il calcio secondo AgnelliTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Lorenzo Marucci
domenica 2 ottobre 2022, 05:00Nato Oggi...
di Lorenzo Di Benedetto

L'oriundo per definizione. Ai tempi della Juventus, Gianni Agnelli per definire Omar Sivori usò queste parole: "E' più di un fuoriclasse. Per chi ama il calcio è un vizio". Questo giusto per far capire quale fosse la classe dell'italo-argentino nato calcisticamente nel River Plate. E dopo una serie di successi con i Millonarios, la Juventus fiutò l'affare e lo portò a Torino. Causando fra l'altro una sorta di declino sportivo del club argentino visto che nei successivi 18 anni non arrivò neanche un successo. Dal '57 al '65 indossò la maglia bianconera e formò con Boniperti e Charles uno dei tridenti più forti di sempre. Calciatore dalle spiccate qualità tecniche, grazie alle sue magie juventine vinse il Pallone d'Oro nel 1961. Nel '65 passò al Napoli di Altafini, dove rimase per 3 stagioni, fino al 1968, anno del suo ritiro.

Particolare anche la sua carriera in Nazionale. Fino al '57, anno del suo arrivo in Italia, giocò (e vinse) con l'Argentina. Ma dal '61 al '62 si contano anche 9 presenze con la maglia dell'Italia. Chiuso col calcio giocato divenne allenatore e guidò Rosario Central, Estudiantes, Argentina e Racing Club.
Negli ultimi anni di vita tornò a vivere in Argentina nella casa di San Nicolas de los Arroyos, chiamata 'La Juventus' in onore della Vecchia Signora. E lì morì nel febbraio del 2005. In carriera ha vinto tantissimo: oltre al Pallone d'Oro, 3 campionati argentini, 3 campionati italiani, 3 Coppa Italia, 2 Coppa delle Alpi e una Coppa America. Oggi sono passati 86 anni dalla sua nascita.

Sono nati oggi anche Giuliano Sarti, Lucas Castroman, Ciprian Marica, Michy Batshuayi, Roberto Firmino, Alisson Becker e Pawel Jaroszynski.