Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Marco Tardelli, l'urlo più famoso del mondo dopo quello di Edvard Munch

Marco Tardelli, l'urlo più famoso del mondo dopo quello di Edvard Munch
© foto di Federico De Luca
domenica 24 settembre 2023, 05:00Nato Oggi...
di Andrea Losapio

L'11 luglio del 1982 è una data storica per il calcio italiano. Perché arriva il terzo titolo Mondiale, andando a riacciuffare il Brasile - che lo aveva vinto nel 1970 proprio contro l'Italia - ma che porta con sé anche un'immagine storica. È quella di Marco Tardelli, professione centrocampista, che prende il pallone dal limite dell'area e lo scaraventa, con forza e precisione, all'angolino, dove Schumacher non può arrivare. A diventare icona nazional popolare, più che il gol in sé, è quello che succede subito dopo. Tardelli scarica la tensione con un urlo, divincolandosi da chi vorrebbe fermarlo per festeggiarlo sul posto. È un gesto che ricorda moltissimo quello di Edvard Munch, pittore scandinavo famoso per un quadro d'impatto. Tardelli ispirerà anche Fabio Grosso, nel 2006, per un gol probabilmente altrettanto importante, sempre contro la Germania.

Bandiera della Juventus, cinque volte Campione d'Italia, con Scirea e Cabrini è diventato il primo giocatore a vincere tutte e tre le competizioni UEFA: la Coppa dei Campioni nel 1984, nella serata dell'Heysel. Poi la Coppa delle Coppe e la Coppa UEFA. Non solo, il Mondiale come detto precedentemente, ma anche la Supercoppa Europa e due Coppe Italia. Da allenatore ha vinto l'Europeo Under21 in Slovacchia, nel 2000, arrivando anche alla panchina dell'Inter nel 2000-01, sostituendo l'esonerato Lippi (alla seconda giornata).

Tardelli la maglia della finale contro la Germania non l'ha più. "Bisognerebbe chiederlo ai miei fratelli, ce l’ha uno di loro. Io ne conservo un centinaio, scambiate con grandi avversari contro i quali ho giocato, ma quella mia del trionfo Mondiale non ce l’ho più". Poco male, anche perché non è la cosa più importante di quella giornata. Oggi Marco Tardelli compie 69 anni.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile