Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Vlahovic nervoso, Leao indeciso, Lukaku furente, Dybala preoccupato…

Vlahovic nervoso, Leao indeciso, Lukaku furente, Dybala preoccupato…TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 21 settembre 2022, 08:25L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Il calcio è delle superstar. Non me ne voglia nessuno… Gli allenatori sono importantissimi, senza una squadra (vera) non si vince neanche la coppa del nonno ma, alla fine, quello che fa notizia sono i top player. Sia che giochino alla grande o che facciano pena in campo, tutto ruota attorno a loro. In un campionato in cui le sorprese mi stanno davvero sorprendendo (Atalanta e Udinese da applausi) e con un Napoli che mi sta ricordando, ancora una volta, quanto sia cieco nel valutare le operazioni di mercato (mai avrei pensato che Kim non avrebbe fatto rimpiangere Koulibaly), devo dire che ci sono quattro star che, ognuna a suo modo, stanno vivendo un momento delicato…
Parto da Vlahovic. Dopo le prime quattro giornate di campionato (con quattro gol), erano tutti ai suoi piedi. Ora è diventato un “caso”. L’ho osservato dal vivo (c’ero, purtroppo, a Juventus-Benfica) e devo ammettere che il suo nervosismo in campo è evidente. Ogni gara, per lui, è un duello per la vita o la morte. Litiga con gli avversari e con il pallone. Insomma, non è sereno. E, come mi confidò un grande campione come Boniek, “i campioni non si agitano, fanno agitare gli altri”. Tenendo sempre presente che parliamo di un classe 2000, Vlahovic va coccolato e rasserenato. Il rischio che possa sbroccare è alto…
Passiamo a Leao. Ci sono giocatori che fanno la differenza e il portoghese, in questo momento, è, in tutta la Serie A, quello che fa più la differenza in campo. Senza di lui, seppur giocando bene, il Diavolo ha perso con il Napoli… Tutti parlano del suo futuro. Maldini e Pioli gli hanno consigliato di restare, il Chelsea lo tenta con un ingaggio monster e la ribalta della Premier League. Insomma, il ragazzo è indeciso. Stare o andare? Dovesse restare, sarebbe l’apoteosi del progetto rossonero… Dovesse partire, un altro addio eccellente da digerire dopo quelli di Donnarumma e Kessiè… Bel problema…
Poi c’è Big Rom. Quando si è fatto male nella gara con la Lazio avrà maledetto chiunque. Non vuole che si pensi che non è più il Lukaku di due stagioni fa. Il belga ci tiene tantissimo a riconquistare il popolo nerazzurro. E’ furente, vuole tornare in campo e spaccare tutto. Già si parla di un “acquisto sbagliato” e solo per un infortunio muscolare… Caro Big Rom, le prossime uscite saranno decisive per il tuo futuro ma già lo sai, vero?
Infine c’è Dybala. Non appena si è evidenziato che, a Roma, stava benissimo e non si faceva più male, ecco l’infortunio. Chiaramente per uno come lui, condizionato dai problemi fisici da diversi anni, una fonte di preoccupazione enorme. La Roma sa che, per puntare a grandi traguardi, ha bisogno di un Dybala al 100%. Il diretto interessato si augura che i gufi non portino sventure…
Quattro top, quattro casi… Il bello della Serie A!

Primo piano
TMW Radio Sport