Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

De Ligt e Skriniar ai saluti: due perdite pesanti… Sarà una Serie A all’attacco…

De Ligt e Skriniar ai saluti: due perdite pesanti… Sarà una Serie A all’attacco…TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 29 giugno 2022, 09:17L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

“L’attacco fa vendere i biglietti ma è la difesa che fa vincere i campionati”. Un vecchio mantra sportivo che, a mio modesto parere, è sempre validissimo. Nel mercato estivo sta accadendo qualcosa di sorprendente. I grandi difensori del nostro campionato stanno (o hanno già fatto) le valigie per andare a giocare all’estero. Noi, noti in tutto il mondo per il nostro approccio difensivo al calcio giocato, stiamo perdendo difensori di livello mondiale. Ormai, salvo miracoli, de Ligt e Skriniar giocheranno in un altro campionato di prima fascia il prossimo anno. Il Chelsea sta facendo di tutto per strappare l’olandese alla Juventus mentre il PSG sa che lo slovacco, punto di forza dell’Inter, servirebbe come il pane per rendere la squadra più salda difensivamente. Juventus e Inter incasseranno cifre astronomiche per le loro colonne difensive ma, poi, queste andranno sostituite e, purtroppo, di grandi difensori in circolazione non ce ne sono poi tantissimi. Messa decisamente peggio la Vecchia Signora. Dopo aver salutato Chiellini (volato negli Stati Uniti), dover rinunciare ad uno come de Ligt è un colpo al cuore. Giovane (meglio ricordare che ha solo 22 anni), fisicamente imponente e con tanta leadership naturale che gli scorre nelle vene. Non proprio facilissimo trovare un erede già pronto. Uno ci sarebbe e si chiama Koulibaly ma, diciamo così, non viene via gratis da Napoli (sempre che De Laurentiis sia disponibile a cederlo).
Insomma, un bel guaio perdere simili mostri difensivi. Nel calcio moderno, gli attaccanti abbondano ma, a livello di difensori di livello internazionale, la lista (quella buona) è piuttosto corta.
Credo proprio che la prossima stagione ci regalerà tanti gol. Una Serie A all’attacco. Se tanti grandi difensori stanno facendo le valigie, molti forti attaccanti sono pronti a sbarcare in Italia. Lukaku sta per tornare nerazzurro, Di Maria si sente sempre più bianconero e Dybala pare deciso a restare protagonista nel Bel Paese. Insomma, di attaccanti c’è abbondanza. Aspettiamoci grandi cose da loro, anche perché quelli che avrebbero potuto fermarli non ci saranno più. E dire che, solo qualche decennio fa, i difensori erano considerati pochissimo. Già allora facevano la differenza, eppure i contratti importanti erano dedicati a chi giocava dalla metà campo in su. Il calcio è cambiato e lo dimostrano le offerte per de Ligt (100 milioni di euro dai Blues) e PSG (60 a salire dal PSG). Ma, come dicevo, “L’attacco fa vendere i biglietti ma è la difesa che fa vincere i campionati”. Prima era un proverbio che valeva principalmente per i nostri club, ora pare essere in voga in ogni top club europeo che si rispetti. E’ proprio vero: con il calcio non ci si annoia mai!