Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Mateo Retegui la grande novità in un gruppo che si basa sulle stesse certezze di 20 mesi fa

Mateo Retegui la grande novità in un gruppo che si basa sulle stesse certezze di 20 mesi faTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 23 marzo 2023, 09:00Il corsivo
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato a Napoli

Italia-Inghilterra al Maradona di Napoli è sfida dal retrogusto argentino per corsi e ricorsi storici. Forse anche per questo non c'è gara che può prestarsi meglio all'esordio con la maglia azzurra di Mateo Retegui, argentino di nascita e di crescita. Centravanti di San Fernando che ha sempre vissuto a Buenos Aires. O almeno, aveva sempre vissuto a Buenos Aires fino alla scorsa settimana.
E' in Italia da soli quattro giorni e da quattro giorni non si fa altro che parlare di lui. "E' un centravanti classico, mi ricorda il primo Batistuta", ha detto ieri il commissario tecnico che ha subito alzato l'asticella. Retegui è la soluzione al problema del centravanti che accompagna Roberto Mancini praticamente da sempre, un problema oggi acuito dalle assenze di Immobile e Raspadori.

Già stasera il bomber del Tigre potrebbe partire dal primo minuto. E su di lui saranno accesi tutti i riflettori. Ma ciò che più fa riflettere è chi giocherà con lui. Venti mesi dopo la finale di Wembley, un anno dopo la disfatta di Palermo, l'Italia contro l'Inghilterra dovrebbe ritrovarsi in campo quasi esclusivamente con giocatori che hanno fatto parte della spedizione azzurra quasi due anni fa. Oltre a Retegui, l'unica eccezione sarà quel Lorenzo Pellegrini che all'Europeo non prese parte solo per un infortunio che costrinse il ct, in extremis, a chiamare Castrovilli.

Da Acerbi a Toloi. Da Verratti a Barella. Da Di Lorenzo a Berardi. Da Spinazzola a Jorginho. Roberto Mancini ha provato tutto e di tutti nel 2022, soprattutto lo scorso giugno. Ma non è una caso se il ritorno delle partite che contano coincide col ritorno della vecchia guardia. Vuol dire che di nuove certezze non ne sono emerse. Che il campionato, purtroppo, non ha prodotto il ricambio generazionale sperato.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile