Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

LaLiga al via - Adiós, España: Flop Coutinho. Marcelo e Bale, termina un'era gloriosa

LaLiga al via - Adiós, España: Flop Coutinho. Marcelo e Bale, termina un'era gloriosaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Titone
venerdì 12 agosto 2022, 12:12Calcio estero
di Gaetano Mocciaro

Tra i giocatori che lasciano LaLiga non mancano i grandi nomi. Su tutti giocatori che negli anni sono stati protagonisti al Real Madrid, vincendo tutto quel che si poteva vincere e contribuendo in modo decisivo al ciclo vincente dei blancos:

MARCELO E BALE, LA FINE DI UN'ERA - Quando è arrivato al Real Madrid, nel gennaio 2007, Marcelo era un promettente terzino del Fluminense che sperava di ripercorrere le orme del grande Roberto Carlos. È diventato il giocatore più vincente della storia del club: 25 trofei. È ancora in cerca di squadra, possibile un ritorno in patria. Nel caso di Bale fu il primo giocatore a sfondare il muro dei 100 milioni per il costo del cartellino: era l'estate del 2013 e da allora sono arrivati 19 trofei, alcuni dei quali portano inequivocabilmente la sua firma: basti pensare al suo gol nella finale di Copa del Rey del 2014 contro il Barcellona o la sua doppietta in finale di Champions League contro il Liverpool nel 2018. Peccato per le tensioni degli ultimi anni con l'ambiente che l'hanno portato ad essere più che altro "sopportato" fino alla fine del contratto, avvenuto come una liberazione. Riparte dalla MLS, senza pressioni e con la possibilità di prepararsi per Qatar 2022.

JOVIC, IL TALENTO MAI ESPLOSO A MADRID - Dopo esser stato il più giovane giocatore a segnare con la maglia della Stella Rossa, fu il Benfica la prima big europea a dare credito alle sue qualità. Ma i problemi di ambientamento lo portarono presto a trasferirsi all’Eintracht Francoforte. E lì Jovic è diventato grande. Nelle 75 partite giocate in due stagioni, saranno 36 le reti dell’attaccante che così si fece scegliere dal Real Madrid. Al Bernabeu, però, l’impatto non è stato dei più felici visto che in un anno e mezzo ha messo insieme soltanto 2 gol in 32 presenze, prima di tornare in prestito proprio all’Eintracht seppur con numeri diversi dai precedenti: 15 presenze, altri 4 gol. Ora la Fiorentina per rilanciarlo.

IL FLOP COUTINHO - Era già partito in prestito a gennaio, Philippe Coutinho. In estate è arrivato il riscatto dell'Aston Villa, per la gioia del Barcellona che ha recuperato parte dell'enorme investimento. Era arrivato nel gennaio 2018 come acquisto deluxe in risposta alla dolorosa cessione di Neymar, ma non ha mai convinto. Sempre il Barcellona saluta nuovamente Trincao, che dopo Wolverhampton ci riprova con lo Sporting. Lenglet si è trasferito, sempre in prestito, Lenglet e Riqui Puig vola a Los Angeles, sponda Galaxy. Neto, dopo anni di naftalina alle spalle di Ter Stegen, punta a riprendersi una maglia da titolare al Bournemouth.

GLI ALTRI - Con qualche mese di ritardo, Diogo Carlos lascia il Siviglia e LaLiga: lo accoglie l'Aston Villa. Vrsaljko saluta l'Atlético e approda all'Olympiacos mentre il Valencia vede partire Guedes, che rimpolpa la colonia portoghese del Wolverhampton e Cillessen che torna a casa, al NEC Nijmegen.