Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Blanc: "Ho sfiorato il Barça. Il bacio a Barthez? Non pensavamo potesse diventare iconico"

Blanc: "Ho sfiorato il Barça. Il bacio a Barthez? Non pensavamo potesse diventare iconico"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Imago/Image Sport
lunedì 11 ottobre 2021, 13:12Calcio estero
di Michele Pavese

In una lunga intervista a Panenka Magazine, Laurent Blanc ha raccontato che avrebbe potuto essere il sostituto di Luis Enrique al Barcellona: "Ho parlato due o tre volte con Eric Abidal. Ovviamente era un sogno allenare una squadra come il Barça, ma non è successo per vari motivi. Non era il momento o qualcuno pensava non ero preparato per questo. Questa è la vita. C'ero andato vicino anche da calciatore, avevo l'accordo con Cruijff ma poi lui fu licenziato e non se ne fece nulla".

L'arrivo di Messi in Francia e gli errori del Barcellona : "Sinceramente, per il calcio francese è incredibile avere Messi, Neymar e Mbappé nello stesso campionato. Il PSG è su un altro pianeta ma per il campionato è bello vedere questi giocatori ogni settimana. Al Barça penso che abbiano commesso errori monumentali, non solo sulla questione Messi. Negli ultimi quattro o cinque anni hanno perso giocatori incredibili e un club come il Barça non se lo può permettere. Non puoi perdere Neymar e Messi, perché poi è molto difficile sostituirli".

Il famoso bacio a Barthez: "È una storia molto personale. Abbiamo iniziato a farlo per scherzo, ma abbiamo visto che il pubblico si aspettava quel momento prima di ogni partita e da allora è rimasto un rito. Non abbiamo mai pensato che sarebbe diventato così iconico. Per noi non era un gesto che aveva a che fare con il calcio, era un gesto di amicizia".