Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Zuliani: "Un Chiesa da godere"

Zuliani: "Un Chiesa da godere"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 18 novembre 2023, 09:26Altre Notizie
di Redazione TMW
fonte Claudio Zuliani per Bianconeranews.it

C’è tutto in quella corsa di Chiesa dopo che ci ha fatto tremare per un nuovo possibile infortunio. La voglia di rialzarsi ed essere protagonista non lo ferma. La fascia ritrovata con la nazionale lo fa volare. Corre in corsia come la Ferrari non sa più fare. Tira e segna partendo da lontano, dove è più difficile da marcare. Strappa, sterza, suda le sette fatiche per dimostrare di essere la stella di questa nazionale. Una doppietta che permette agli azzurri di non fallire (basta un pari con l’Ucraina) l’ennesima qualificazione, questa volta agli europei. La domanda è lecita: perché alla Juve ancora no? Contro la Macedonia Federico ha tirato fuori tutto il repertorio che aveva introdotto nei primi mesi di esperienza in bianconero. Dopo l’infortunio non è più stato lo stesso. Ecco che arriva l’Allegrata: seconda punta. Il mister lo mette più vicino all’area di rigore per farlo segnare di più e per evitare le corse inutili che portano via energie in alcune fasi delle partite, giusto.

Però la natura dell’ala esce sempre alla distanza. Chiesa ha bisogno di aria. Vuole il campo davanti, guardare le difese da lontano per sorprenderle in velocità. Il percorso alla Juventus sembra segnato da una stagione che abbiamo tutti definito della rinascita complessiva. Nell’armadio resta l’io e in salotto scende il noi. Vale anche per Fede che ha cominciato apprezzando la novità tattica a lui dedicata. Quattro gol nelle prime 5 partite, l’ultimo nella sconfitta cocente contro il Sassuolo. Poi la Juventus si è arroccata in un blocco difensivo che ha portato a casa successi, sacrificando gli attaccanti al lavoro di squadra Poi è tornato il dolore che lo preoccupa e che lo limita mentalmente. Poi è arrivata la nazionale e la partita che può servire da svolta anche in bianconero. Questo Chiesa deve partire titolare nel derby d’Italia. Al suo fianco una prima punta che lavori e si sacrifichi nella pressione sul primo portatore di palla avversario e faccia a sportellate. Questo Chiesa ce lo dobbiamo godere pure noi , perché ce lo meritiamo e perché lo stipendio gli arriva dalla Juventus.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile