Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

12 giugno 2023, il mondo piange Silvio Berlusconi. Il Cavaliere muore a 86 anni

12 giugno 2023, il mondo piange Silvio Berlusconi. Il Cavaliere muore a 86 anniTUTTO mercato WEB
mercoledì 12 giugno 2024, 11:47Accadde Oggi...
di Alessio Del Lungo

Un anno fa l'Italia e il mondo intero piangevano la morte di Silvio Berlusconi. Personaggio controverso, il Cavaliere è stato Presidente, imprenditore, politico e molto molto altro ancora. È stato protagonista con il Milan, con il Monza, con Forza Italia, con le televisioni private, con le inchieste, con la famosa villa di Arcore, con Adriano Galliani, Arrigo Sacchi, Niccolò Ghedini e con tantissime altre vicende iconiche, che resteranno per sempre scolpite nella storia di questo Paese. È stato uno dei più grandi, se non il più grande, presidenti della storia del pallone.

In 31 anni da numero uno del Milan ha conquistato 29 trofei: 8 volte lo scudetto, una volta la Coppa Italia, 7 volte la Supercoppa Italiana, 5 volte la Champions League, 2 volte la Coppa Intercontinentale, una volta il Mondiale per Club e 5 volte la Supercoppa Europea. Basterebbe questo per spiegare come abbia rivoluzionato questo sport, ma sarebbe anche riduttivo perché bisogna andare oltre e raccontare del miliardo di euro o quasi sborsato per Ruud Gullit, Marco van Basterm George Weah, Andriy Shevchenko, Ricardo Kakà, Filippo Inzaghi, Clarence Seedorf e molti altri ancora. E per gli allenatori era dura scegliere, non solo per la qualità, ma anche perché a Berlusconi piaceva imporsi e non disdegnava farlo. Da proprietario del Monza invece si è tolto la soddisfazione di portare il club dalla Serie C alla Serie A, vincendo il campionato di Lega Pro e ottenendo comunque la promozione nella massima categoria.

All'età di 86 anni muore al San Raffaele di Milano in seguito a complicazioni dovute a una leucemia mielomonocitica cronica da cui era affetto.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile